Dalla Croce Rossa di Rieti documenti del venerabile vescovo

Il comitato reatino della Croce Rossa Italiana ha donato all’Istituto Storico Massimo Rinaldi tre documenti inediti, che confermano i proficui rapporti di collaborazione intessuti in anni non facili sotto l’aspetto politico e sociale, tra il venerabile vescovo di Rieti e l’organizzazione.

Il primo documento, datato 13 maggio 1933, è la risposta autografa del vescovo Massimo Rinaldi all’invito del Presidente della Croce Rossa di Rieti dell’epoca, dottor Mataloni, a prendere parte al Comitato Civile d’onore per la festa della Croce Rossa di Rieti. Il secondo, datato 8 settembre 1937, consiste della richiesta al vescovo Rinaldi di un contributo economico in occasione di una campagna di sottoscrizione per l’acquisto di una autoambulanza per la Croce Rossa di Rieti. Il vescovo Massimo Rinaldi risponde positivamente al vice presidente provinciale, dottor Luigi Baroni, confermando l’elargizione di 50 lire; il terzo documento, del 4 ottobre 1937, conferma l’avvenuta ricezione del contributo e trasmette al vescovo i tagliandi con i numeri della lotteria di beneficenza per l’estrazione del premio.

«Questa donazione rappresenta un gesto di altissimo spessore perché accresce in quantità e qualità la documentazione in nostro possesso sul periodo episcopale del Rinaldi, a conferma dello stretto rapporto tra questi e il mondo intero della sanità pubblica, peraltro confermato dalle tante pubblicazioni e testimonianze pervenuteci», hanno rimarcato monsignor Maceroni e Fabrizio Tomassoni, presidente e vicepresidente dell’Istituto Storico.

La consegna dei documenti è avvenuta in episcopio, nella sala di lettura degli Archivi unificati diocesani, alla presenza del direttore don Luciano Candotti e del vescovo Domenico, che ha avuto parole di apprezzamento e sottolineato la storica vicinanza della Chiesa di Rieti verso il mondo della sanità e del volontariato ad esso legato. A tal proposito mons Pompili ha comunicato che si sta lavorando affinché torni in vita il corso universitario di infermieristica “Santa Giuseppina Vannini” di Rieti, attraverso una positiva sinergia con l’Università Cattolica del Sacro Cuore e le Figlie di San Camillo.

da «Frontiera» n.7 del 25 febbraio 2022

Dove trovare «Frontiera»

«Frontiera» si può acquistare nelle edicole della città (una copia 2 euro) o ricevere in abbonamento postale. Per sottoscrivere o rinnovare l’abbonamento occorre versare 35 euro sul conto corrente postale 10 51 57 44 22 intestato a Progetto Missione IS scrivendo “Abbonamento Frontiera” nella causale e specificando nome, cognome, codice fiscale e indirizzo di consegna. Dopo aver svolto l’operazione all’Ufficio Postale è possibile inviare la ricevuta via Whatsapp al numero 351 871 5052 per velocizzare l’inserimento nell’elenco abbonati e ricevere la prima edizione disponibile. In alternativa è possibile effettuare il versamento tramite bonifico bancario: l’Iban è IT 06 R 07601 14600 001051574422. Il giornale può essere letto anche tramite computer e dispositivi mobili scaricando l’app “Frontiera” da Google Play e Apple App Store.